Magento Cloud vs Shopify Plus: 10 differenze

Inutile negarlo, ad oggi Magento 2 nella sua versione Open Source non è più un prodotto spendibile sulla PMI che ha budget di investimento sotto ai 50.000 € e chi ha budget superiore viene indirizzato direttamente e giustamente su Magento Commerce Cloud.

Proprio per questo, in questi ultimi mesi abbiamo approfondito un’altra piattaforma eCommerce, tra le più diffuse al Mondo e concettualmente molto diversa da Magento: Shopify.

Sia Shopify che Magento sono tra i migliori sistemi di gestione eCommerce al Mondo. Sono entrambe potenti piattaforme che vengono utilizzate dalla PMI sino alla grande azienda. Lavorando su tutte e due le piattaforma possiamo distinguere al meglio le 10 più grandi differenze tra le due piattaforme.

Scopriamo le 10 principali differenze tra Shopify e Magento

1. Costo di licenza
Shopify offre un piano di base a $ 29 / mese. Magento invece è open source quindi il codice sorgente è gratuito, tuttavia, ci sono costi per l’hosting che devono essere presi in considerazione e che non sono banali. Pertanto per un progetto di piccole dimensioni, con poche criticità sicuramente la soluzione Shopify ad oggi è più calzante.

Quando si tratta invece di progetti più complessi, anche i costi di licenza variano sensibilmente, Shopify Plus, la versione enterprise di Shopify costa circa $ 24.000 all’anno. Magento Commerce Cloud invece ha u costo a partire dai $ 22.000 all’anno, che è leggermente più economico di Shopify ma che può variare sensibilmente in alto se le metriche del progetto sono complesse.

2. Open Source vs Sistema proprietario
Shopify è un sistema chiuso e proprietario, ciò significa che i merchant sono limitati alle modifiche e nelle personalizzazioni della piattaforma, devono rimanere all’interno dei parametri standard di Shopify. Il vantaggio è che aggiornamenti e patch di sicurezza vengono però gestite gratuitamente e in modo automatico.

Magento è una piattaforma open source, quindi i merchant possono accedere al codice sorgente e modificarne qualsiasi parte da soli, a seconda delle loro esigenze, desideri e sogni. Non ci sono aspetti del sistema che non si possono modificare. Ciò fornisce ulteriore flessibilità per la personalizzazione.

3. Tipologia di prodotti gestiti
Shopify offre solo 1 tipo di prodotto. C’è una certa flessibilità con questa tipologia di prodotto, in alcune situazioni complesse, tuttavia, Magento è più robusto e flessibile e consente di gestire queste tipologie di prodotti:

  • Semplice
  • Configurabile
  • Raggruppate
  • Bundle
  • Scaricabile
  • Virtuale

4. Multi Store
Questo è uno degli aspetti più penalizzanti per Shopify che ha una relazione 1 a 1 tra backend e siti web di frontend. Questo numero è illimitato invece con Magento Commerce. Consentono di gestire più negozi da 1 pannello di amministrazione. Questo è estremamente utile per coloro che gestiscono più negozi o differenze sostanziali tra i vari paesi in cui si va a vendere. È molto più conveniente avere accesso a tutti i negozi da un punto centrale per scopi di gestione, inventario, ordine e servizio clienti.

5. B2B e B2C mixed B2B
Shopify anche qui è molto limitato, non vengono offerte molte funzionalità B2B, esistono dell’applicazioni ma ancora poco mature. Magento Commerce è invece estremamente sul pezzo già nativamente sul mondo B2B, anzi il meglio viene proprio offerto quando il merchant ha la necessità di gestire in modo coordinato da stessa piattaforma vendita B2C e B2B.

6. Gruppi di clienti
Su Shopify manca di questa funzione, esistono tag per differenziare i gruppi di clienti, ma Magento ha sicuramente un vantaggio importante sulla differenziazione e profilazione dei clienti consentendo di offrire ai gruppi clienti diversi sconti, priorità, cataloghi, prezzi.

7. Spedizioni internazionali
Offrire spedizioni internazionali significa un pubblico internazionale che viene fornito con diverse esigenze di vetrina: lingua, valute, tipi di spedizione, ecc. Shopify di nuovo, con una relazione 1 a 1 tra backend e siti di frontend non ha la disponibilità di gestire in modo nativo questa funzionalità ma necessità di più backend. Magento che consente website illimitati, consente di configurare più vetrine – gestendo cataloghi differenti, tasse, opzioni di spedizione, metodi di pagamento ecc.

8. Articoli ad alto rischio / controversi
Shopify ha un maggiore controllo sui tipi di prodotti che consentiranno ai commercianti di vendere attraverso la loro piattaforma. Ad esempio, pistole e munizioni. Fino a pochi anni fa, i commercianti potevano vendere tali prodotti tramite Shopify. Quando i commercianti di Shopify hanno sentito la notizia, hanno dovuto ricostruire e migrare a un altro sistema. Magento ha un approccio diverso. Se un prodotto è legale, i commercianti possono venderlo attraverso il loro negozio Magento.

9. Conformità e sicurezza PCI
Shopify offre aggiornamenti immediatamente disponibili. Controllano l’integrità del negozio e si assicurano che rimangano conformi in modo che i singoli commercianti non debbano farlo. Magento, dal momento che è open source, non è responsabile del codice che un merchant modifica per il proprio negozio. Spetta al proprietario del negozio mantenere la conformità PCI ad esempio per i metodi di pagamento.

10. Sviluppatori
Shopify non consente ai commercianti di modificare il codice del core del prodotto. Detto questo, è una piattaforma più semplice con cui lavorare, il che significa che c’è un pool più ampio per l’assistenza quando ha bisogno di uno sviluppatore, designer o QA.

Magento, essendo più complesso, richiede sviluppatori e consulenti più preparati, che sicuramente avranno anche un costo superiore agli sviluppatori e consulenti Shopify.

In conclusione possiamo dire che Magento Commerce vince la sfida con Shopify su quei progetti internazionali, che richiedono personalizzazioni e una scalabilità globale. Shopify rimane un ottimo prodotto, sopratutto per lo small business B2C.